LA VENDITA, IN UN NEGOZIO, INIZIA DAGLI SCAFFALI 

Tutte le news

Questo è un assunto fondamentale, che non bisogna mai perdere di vista se si gestisce un’attività del genere. È inevitabile che un cliente sia maggiormente attratto da articoli disposti con cura su mensole di qualità, così che tutti i punti di forza della merce siano messi bene in evidenza.

Non a caso sono state coniate espressioni come shelf marketing e visual merchandising per indicare il valore di questo elemento ai fini del business. Un prodotto, se esposto in maniera giusta, induce all’acquisto e rivela un’elevata attenzione nei confronti dei minimi dettagli. Per questo è essenziale che le forniture siano posizionate su eleganti ripiani, o magari in una libreria, che farà loro da sfondo e da cornice.
Gli scaffali metallici o quelli di legno sono un’ottima opzione, perché sono resistenti e anche dotati di un certo potenziale decorativo. L’obiettivo, in effetti, è unire funzionalità e design per creare un ambiente piacevole e confortevole, in cui tutti i visitatori possano sentirsi a proprio agio. È quindi necessario pensare a ogni aspetto, non solo la collocazione delle mensole ma anche – ad esempio – la loro illuminazione.

 

Come devono essere gli scaffali destinati a un negozio?

La selezione delle librerie e degli scaffali è da svolgere con estrema meticolosità: è indispensabile individuare le superfici migliori, che non si limitino a ospitare gli oggetti ma che ne pongano in risalto il pregio.

Abbiamo già detto che lo scopo è trovare una buona combinazione di estetica e praticità. Un esercente deve sempre mettersi nei panni della clientela: deve, cioè, delineare uno spazio accogliente, in grado di suggerire una vasta impressione di professionalità ma anche di comodità. Di conseguenza i particolari sono importanti proprio come il quadro d’insieme, e delle mensole moderne possono davvero fare la differenza sin dalla prima occhiata.

I ripiani e le librerie, ovviamente, vanno scelti in base sia alle finiture sia alla robustezza e alla solidità. Uno scaffale di eccellente fattura regge pesi notevoli e non risente dell’usura e dello scorrere del tempo. Costituisce, dunque, un investimento perfetto per il presente e per il futuro di un’attività commerciale.

 

Quali sono i materiali consigliati?

Una menzione speciale va a quelli nominati in precedenza, ovvero il metallo e il legno. Soluzioni intramontabili, capaci di garantire sicurezza e stabilità persino dopo molti anni. Sono ideali anche il metacrilato e il vetro, che cattureranno lo sguardo dei clienti con i loro scenografici riflessi.

 

Qualche accorgimento per lo shelf marketing

Per allestire un negozio nel modo corretto bisogna procurarsi librerie e scaffali adatti, e seguire qualche semplice regola connessa alla disposizione della merce.

Il concetto chiave è quello di equilibrio. I ripiani, innanzitutto, non devono essere sovraccarichi di prodotti: l’immagine finale sarebbe alquanto caotica, un risultato assolutamente da evitare. Si raccomanda di lasciare almeno una decina di centimetri tra un articolo e l’altro, affinché ognuno di essi possa “spiccare” senza confondersi con quelli adiacenti.

L’organizzazione smart dello spazio è importantissima nei punti vendita. È molto utile realizzare delle aree a tema, sempre con l’aiuto di mensole e librerie di stampo contemporaneo. Per esempio, in un negozio che offre accessori per la cucina si potrebbe prevedere uno scaffale riservato alle tazze, uno alle posate, uno a piatti e vassoi ecc.

Un’altra piccola chicca: le forniture andrebbero divise per dimensioni o per colore. Uno stratagemma volto ad un’esposizione armoniosa, logica e razionale, che il cliente apprezzerà senza dubbio. Infine è preferibile acquistare ripiani dello stesso materiale, per un insieme elegante e coerente.

 

L’illuminazione

Le mensole, che siano di legno, acciaio, plexiglass e così via, vanno illuminate con dispositivi all’avanguardia, che assicurino efficienza senza che ciò ricada troppo sulle spese dell’esercente.

La giusta luce è fondamentale nei negozi. Può cambiare radicalmente la percezione che si ha dell’ambiente e dei prodotti: del resto, vi sono numerosi studi su come le emozioni degli utenti influenzino l’andamento di un business.

In quest’ambito sono essenziali due accortezze: bisogna sistemare le sorgenti luminose in maniera strategica, così che il fascio “colpisca” e valorizzi gli articoli proposti, e posizionare gli scaffali accanto a una porta o una finestra. In questo modo si sfrutteranno bene anche i raggi del sole!

 

Il legame tra scaffali e vetrina

Infine, un ultimo suggerimento: il visual merchandising richiede continuità tra le mensole e la vetrina. Questa è il biglietto da visita di un’attività commerciale, e deve mostrare la stessa cura per i dettagli che si troverà all’interno.

Coloro che gestiscono un negozio possono inserire un paio di scaffali ad hoc anche nella vetrina, per presentare al pubblico le offerte migliori. È opportuno abbinare tali superfici a uno o due mobiletti appositi, naturalmente costruiti con materiali analoghi o in pendant. Anche l’occhio vuole la sua parte, e dei ripiani di qualità permettono di fondere ad arte bellezza e funzionalità!
 

L'articolo che state leggendo è tratto dal sito www.linkiesta.it. A questo link (clicca qui) potete leggere l'originale.

Follow us in Youtube
Facebook
BRESCANCIN S.r.l., Via Chiavornicco 35, 33084 Cordenons, Pordenone, Italy
Fax 0434 45047 - Tel 0434 532289 | brescancin@brescancin.it
P.Iva 01068840931
Questo sito rispetta il regolamento Europeo 2016/679 (GDPR) relativo al trattamento dei dati personali
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.